DESTINAZIONE

IMMAGINI


INFORMAZIONI INTERESSANTI


Gli Stati Uniti d’America, con popolazione di 325 127 000 abitanti, sono una repubblica federale composta da cinquanta Stati e un distretto federale Washington D.C., che ospita la capitale Washington.
Gli Stati Uniti sono situati nell’America del nord e si estendono dalla East Coast alla West Coast del continente americano, presentando una grandissima varietà di paesaggi dalle grandi metropoli con le loro diversità di quartieri tipici alle cittadine caratteristiche, dai deserti ai parchi nazionali passando per le catene montuose dell’Ovest, il maestoso Canyon e le soleggiate spiagge delle coste.

LINGUA
Inglese e spagnolo.

RELIGIONE
In maggioranza cattolica e protestante. Sono presenti anche altre religioni tra cui quella musulmana, buddista ed ebraica.

VALUTA
La moneta ufficiale è il Dollaro statunitense (US$).

FUSO ORARIO
Gli Stati uniti coprono in totale ben 6 fusi orari, le time zones:
East Coast, Eastern standard time (EST), -6 dall’Italia
Central standard time (CST) -7 dall’Italia
Mountain standard time (MST) -8 dall’Italia
West Coast, Pacific standard time (PST), -9 dall’Italia
Hawaii-Aleutian Standard Time(HST) -10 dall’Italia
Alaska Standard Time (AKST) -11 dall’Italia

Eccetto in pochi Stati, vige l’ora legale che in genere inizia due settimane prima e finisce una settimana dopo l’entrata in vigore in Italia.

PER TELEFONARE
Il prefisso per l’Italia è 01139, il prefisso dall’ Italia è 001.

CLIMA
Gli USA hanno un clima essenzialmente temperato che varia da zona a zona in rapporto sia alla vastità del territorio, sia alla sua conformazione, che alla sua apertura su tre distinti fronti marittimi. Con l’esclusione delle fasce costiere atlantica e pacifica, la vastissima area centrale è una specie di corridoio, ampiamente aperto a nord e a sud, agli alterni movimenti di due masse d’aria: la polare continentale, proveniente dal Canada, e la tropicale marittima, proveniente dal Golfo del Messico, che si spingono nell’interno del Paese. D’inverno l’aria polare, fredda e asciutta, può raggiungere le regioni meridionali, generalmente miti, arrecando anche improvvise gelate. D’estate l’aria tropicale calda e umida può spingersi fino alla zona dei Grandi Laghi, portando pioggia e banchi di nebbia. In California le temperature sono molto gradevoli nelle giornate estive, ma possono abbassarsi all’improvviso quando soffia il vento. In inverno il clima è mite durante il giorno, ma piove spesso e le notti sono fredde. A sud, il clima è di tipo mediterraneo, con inverni miti ed estati calde. In inverno, come in estate, talvolta la costa è investita dal vento Santa Ana, secco e carico di polvere. I predetti venti e le scarse precipitazioni causano forti incendi, che colpiscono anche le zone abitate site nei pressi di foreste o folte vegetazioni. In estate è meglio evitare le zone desertiche a est e a nord est di Los Angeles e Phoenix, la città più assolata e torrida degli Stati Uniti. Si fa presente che nella stagione estiva (da giugno a novembre) possono verificarsi, soprattutto lungo le coste meridionali e quelle del Golfo del Messico, fenomeni ciclonici anche a latitudini più basse delle usuali.

ABBIGLIAMENTO
Al di là degli ovvi condizionamenti dovuti al clima, negli Stati Uniti è diffuso l’abbigliamento casual. Tuttavia in alcuni locali sono obbligatorie per gli uomini la giacca e la cravatta, in particolare la sera.

CONSIGLI SANITARI
Nessuna vaccinazione è obbligatoria. Le strutture sanitarie sono eccellenti, ma essendo le spese medico-ospedaliere molto elevate, si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.

ELETTRICITÀ
Il voltaggio è 110 – 120 volt, con prese diverse da quelle italiane. E’ opportuno munirsi di adattatori a lamelle piatte, reperibili in loco.

MANCE
Negli Stati Uniti le mance sono praticamente obbligatorie. Camerieri, baristi e tassisti si aspettano circa il 15%-18% del conto totale, qualcosa di piu’ nei locali di lusso. E’ consuetudine dare mance ai portieri di albergo, ai tassisti, così come alle guide o agli autisti durante i tour con accompagnatore locale.

FESTIVITÁ
Le festività religiose seguono il nostro tradizionale calendario cristiano: Natale, il 25 dicembre; Pasqua, la cui data cambia ogni anno. Tra le feste laiche annoveriamo il Memorial Day, l’ultimo lunedì di maggio; la Festa dell’Indipendenza, il 4 luglio; la Festa del Ringraziamento, la festa più importante dopo il 4 luglio, che si celebra il quarto giovedì del mese.

CUCINA
Se da una parte è vero che la cucina degli Stati Uniti è per di più un pout-pourri riveduto e corretto dei piatti importati dagli immigrati di tutto il mondo, bisogna riconoscere ugualmente una certa identità alla cucina americana. Molti piatti nati negli Stati Uniti hanno infatti sfondato in tutto il mondo, basti pensare alle varie insalate, agli hamburger, alle bistecche. Nei ristoranti che offrono cucina americana si mangia spesso in modo eccellente, soprattutto carne e pesce.

DOCUMENTI E VISTI
Per entrare negli Stati Uniti è necessario il passaporto. Con l’entrata in vigore del programma “Visa Waiver Program” (Programma di Viaggio in esenzione di Visto) i viaggiatori in possesso di alcuni passaporti, in relazione al tipo e alla data di rilascio o di rinnovo, possono viaggiare senza visto nell´ambito del Programma a patto che la permanenza negli Stati Uniti non superi i 90 giorni e si sia in possesso di un biglietto di ritorno. Per entrare negli Stati Uniti nell’ambito del programma è necessario ottenere un’autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization). L’autorizzazione, che ha durata di due anni, o fino a scadenza del passaporto, va ottenuta prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti accedendo, almeno 72 ore prima della partenza, tramite Internet al Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio (ESTA). Gli Stati Uniti hanno adottato una legge di riforma del Visa Waiver Program che comporta nuove condizioni per chi intende viaggiare verso gli Stati Uniti in esenzione da visto e sono tuttora in corso di adozione misure di attuazione della nuova normativa. A partire dal 21 gennaio 2016 viene limitata la possibilità di usufruire del programma Visa Waiver Program a chi, essendo doppio cittadino, ha la cittadinanza anche di uno dei seguenti Paesi: Iran, Iraq, Siria o Sudan, nonché per chi ha viaggiato nei citati paesi a partire dal 1° marzo 2011 (sono previste eccezioni per alcune specifiche categorie di viaggiatori). Si raccomanda pertanto a chi intende recarsi in USA di controllare attentamente prima della partenza i siti web delle Sedi diplomatiche e consolari statunitensi per verificare la sussistenza della possibilità di essere ammessi in quel Paese senza visto.

VIDEO