BLOG

Tour West Coast USA

Un viaggio alla scoperta della West Coast…



[Diario di viaggio]

Buongiorno miei cari amici viaggiatori! Come sono andate le vostre ultime vacanze? Dove siete stati? Raccontatemi tutto! Oggi vi voglio proporre un itinerario di viaggio che spero verrà apprezzato soprattutto da coloro che amano mete lontane e avventurose! Sto parlando della WestCoast #USA, un vastissimo territorio, collocato sulla costa ovest dell’America, che vi lascerà davvero a bocca aperta! Seguendo il mio diario di viaggio la prima tappa che andrò a visitare è la città di San Francisco in California, da lì con la macchina attraverserò lo Yosemite National Park e la Death Valley per giungere in Nevada nella favolosa Las Vegas! Proseguirò poi per lo Zion National Park alla volta dei grandi Parchi dello Utah e dell’Arizona, Bryce Canyon, Glen Canyon-Lake Powell, Horseshoe Bend, Antelope Canyon, Monument Valley e Grand Canyon, per poi concludere questo indimenticabile viaggio di sole 2 settimane a Beverly Hills, Venice Beach e Los Angeles.

[San Francisco: dal ghetto al Bubba Gump]

E’ arrivato il momento di imbarcarsi! Amici vi devo salutare ma vi scriverò non appena sarò arrivata dall’altra parte del mondo! Dopo 12 ore di volo sono finalmente atterrata in California, nella gelida città di #SanFrancisco, caratterizzata da un silenzio quasi ovattato, ricoperto da una fittissima nebbia! Superato, rigorosamente con il taxi, il poco raccomandato Ghetto di San Francisco…arrivo al mio hotel. Nonostante sia quasi ora di cena sono troppo impaziente di visitare la città e quindi lascio subito i bagagli in stanza e, causa vento gelido, indosso le felpe più pesanti che ho portato. Salgo quindi sul mitico tram a fune, denominato Cable Car, ovvero il mezzo di trasporto pubblico nato proprio per risolvere la difficoltà data dalle elevate pendenze delle strade della città.

img_0368-2

Il Cable Car mi lascia al Fisherman’s Wharf sul Pier 39 dove avrei tanto voluto cenare alla Crab House, essendo già strapieno, ripiego sul cinematografico #BubbaGump. E’ il ristorante ispirato al film Forrest Gump! Appena seduta a tavola arriva un cameriere che mi spiega che per chiamarlo devo esporre la targa “Stop Forrest Stop” sul tavolo, mentre se non ho bisogno di lui giro la targa su “Run Forrest Run”, altrimenti lui proprio come Forrest continuerà a correre per il ristorante fino a quando non gli farò capire di fermarsi attraverso lo STOP della targa! Infine scherzosamente prima di farmi ordinare, mi fa delle domande inerenti al film e state attenti ad azzeccare la risposta giusta altrimenti niente gamberi fritti per voi! Così, anche se abbastanza fugace, termina il mio primo giorno in questa magnifica città, ancora tutta da scoprire!

img_0207

[Inzuppo da Starbucks]

Buongiorno amici! Questa mattina decido di fare colazione da Starbucks, vista la vicinanza dal mio hotel, e prendo un latte caldo al cioccolato con un bel brownie! La giornata inizia splendidamente con un bel sole, niente vento e una dolce colazione, se non che inspiegabilmente, dopo essermi accomodata…mi rovescio tutto il latte al cioccolato addosso e quando dico tutto…intendo tutto! Felpa, maglietta, canottiera, jeans, mutande e pure calze e scarpe rigorosamente bianche si inzupparono completamente di latte al cioccolato e i colori sgargianti del mio outfit appassirono in un lampo nell’orripilante color marrone. Non dimenticherò mai le persone intorno a me che non si sforzarono nemmeno di trattenere le risate! Va bhè…alla fine mi faccio una risata anche io e ritorno in hotel per cambiarmi, ancora simpaticamente derisa da chiunque mi vedesse passare per strada!

img_0227-2

[Il granchio di fine giornata]

Stamattina mi dirigo a piedi verso Little Italy, passando per Grace Cathedral, e mi ritrovo finalmente davanti alla famosissima Lombard Street, definita come la strada più tortuosa al mondo! Proseguo poi verso Nob Hill, il quartiere benestante di San Francisco fino ad incrociare l’ingresso di Chinatown, la più grande comunità cinese al di fuori dell’Asia e la più antica di tutti gli Stati Uniti! Nel pomeriggio visito la zona del Presidio, costeggio l’intera aerea fino ad avvistare l’imponente #GoldenGateBridge. Attraverso tutto il ponte e con fatica arrivo all’altra sponda…nell’incantevole Sausalito, che vista da lontano sembra una piccola Portofino immersa nel verde! Prima che la nebbia facesse calare l’oscurità ritorno al Presidio, ripercorro la strada verso il Pier 39 e mi incammino verso la #Crab House, ristorante famosissimo per il fatto di cucinare granchi in modi differenti, e questa volta sicura di potermi sedere, avendo prenotato il giorno prima, e mangiare un gustosissimo granchio!

img_1763

[Tuffo nel vintage]

Un’altra splendida giornata di sole apre l’inizio del mio terzo e ultimo giorno a San Francisco! Mi incammino verso Union Square, una piazza decisamente molto bella e ricca di splendidi negozi di alta moda. Prendo poi un taxi mi faccio lasciare all’ingresso del bellissimo Golden Gate Park, nel quale rimango per tutta la mattinata! Un posto paradisiaco! Il mio giro prosegue poi alla volta dello storico #HaightAshbury, un quartiere famoso per essere stato il centro del movimento hippie negli anni ’60, in realtà la cultura hippie è ancora molto presente qui e noterete che passeggiando per le vie si incontrano molti personaggi strampalati, per non parlare dei negozi! Me ne è rimasto impresso uno in particolare, dedicato solo ed esclusivamente ad articoli riguardanti la morte! I negozi che però vanno per la maggiore sono quelli di abbigliamento, si possono trovare oltre ai mitici jeans a zampa anche abiti larghi e fantasiosi, bandane e tantissime parrucche di ogni genere, non ultimi gli occhiali a montatura tonda! Anche se amo molto lo stile hippie, ben presto mi lascio però tutta la loro comunità alle spalle per ritornare nel mondo odierno.

img_0601

[Fuga da Alcatraz]

Al Fisherman’s Wharf mi imbarco quindi sul battello in direzione isola di #Alcatraz, che con la sua ingombrante presenza spettrale sembra guardarmi da ogni angolo di San Francisco fin dal mio primo giorno in città. L’ex sede del penitenziario di massima sicurezza, comunemente noto per l’estrema rigidità con cui erano trattati i detenuti, è quasi sempre invasa dalla nebbia e più ci si avvicina, più si percepisce uno strano senso di inquietudine, aggravato da un terrificante e continuo strillo delle sule! Direi che la prima sensazione che si ha mettendo piede sull’isola non sia molto piacevole, io mi sono sentita proprio come una detenuta pronta a essere chiusa in una microcella senza finestra! Infatti ciò che più mi ha sconvolto entrando nel penitenziario sono proprio queste sue celle piccole e cieche! Quando si fa buio, salgo sul traghetto e inghiottita dalla nebbia spero di sbarcare il più presto possibile sulla terra ferma!

img_0226-2

[Immersa nel verde]

Amici buongiorno! Questa mattina mi sono alzata ancora molto presto per ritirare la macchina con la quale lascio San Francisco. Attraversando l’Oakland Bay Bridge e imboccando la California 108 verso Groveland entro per un rapido giro nello Yosemite National Park, soffermandomi ad ammirare l’Half Dome e El Capitan. Uscendo dallo Yosemite percorro poi la California 395 e mi dirigo verso Mammoth Lakes, una cittadina davvero caratteristica, ne rimarrete colpiti: si sviluppa su una strada principale, ai lati della quale sono collocate delle casette in legno addobbate in stile natalizio, come anche i negozi, ristoranti e il mio hotel in stile baita di montagna. Per cena scelgo di andare da Roberto’s Cafè, ristorante messicano dalle enormi porzioni dei piatti e ordino un super burrito, ma ora che lo guardo so che non riuscirò a finire questo piatto, infatti, come spesso accade nei ristoranti americani, il cameriere mi prepara una doggy bag.

img_0906-2

[Next stop: Death Valley]

Buongiorno amici viaggiatori, la mia giornata è iniziata subito freneticamente. Sveglia presto, colazione e via alla volta della #DeathValley! Una volta entrati nella valle, vi raccomando di spegnere l’aria condizionata della vostra macchina, altrimenti il motore si fonderà e allora si che saranno guai! Non per spaventarvi, ma nella Death Valley i vostri cellulari non avranno recezione e se malauguratamente doveste incappare in qualche rogna bhè…dovrete aspettare ore e ore sotto il sole cocente prima di ricevere soccorso…un’esperienza che non auguro nemmeno al mio peggior nemico! Ma non preoccupatevi suvvia! Se seguirete tutti i miei consigli ne uscirete senz’altro sudati, ma sicuramente sani e salvi! Dopo una mezzoretta di tragitto arrivo alle Sand Dunes e decido di parcheggiare per fare una camminata, ma il caldo è straziante e mi costringe a rientrare in auto immediatamente!

img_0985

[Dai laghi ai monti]

Proseguo verso Salt Creek, mi dirigo poi verso i laghi prosciugati di Badwater Basin e Devil’s Golf Course. Lasciando poi quest’ultimo alle spalle, svolto a destra in una strada che entra nella montagna, snodandosi intorno a un canyon. Questa meraviglia è denominata Artist Drive proprio per i pigmenti minerali che hanno dato alle rocce vulcaniche colori molto intensi, come il rosso, il rosa e il giallo, addirittura anche il verde, il porpora e il viola. Sembra davvero di trovarsi all’interno di un dipinto! Ci sono molte cose da scoprire qui e Zabriskie Point è l’ultima attrazione che vedo prima di proseguire il mio viaggio! Composto da sedimenti provenienti da un antico lago è noto per la bellezza del suo paesaggio! Devo dire che saluto sempre a malincuore i posti che visito…ma questa volta non vedevo proprio l’ora di andarmene! Ringrazio veramente di essere sopravvissuta a questo caldo indescrivibile!

img_1000

[Welcome to Las Vegas]

Imboccando la California 160, attraverso Pahrump e da lontano inizio a scorgere nel nulla una sagoma familiare. Nel bel mezzo del deserto del Mojave brilla la Favolosa e affascinante #Las Vegas…che mi sta aspettando! Il primo luogo d’azzardo che incontro é il Flamingo, nonché uno dei più vecchi casinò costruiti a Las Vegas! A seguire, il Venetian mi fa ritornare per un attimo in Italia! Proseguo poi alla volta del Palazzo, che mi accoglie all’ingresso con una splendida fontana su due piani e infine ammiro il magico Whnn. Mi dirigo poi verso la zona meno popolata dell’hotel, quella senza slot machine e tavoli da poker, riservata alle super suite e con grande sorpresa mi ritrovo di fronte alla…Wedding Chapel! Confermo che esistono davvero e confermo anche che un sacco di coppiette erano in fila ad aspettare il proprio turno per prendere appuntamento e sposarsi in quella incantevole cappella!

img_1286-2

La prossima tappa è al New York New York, che come fa intendere il nome stesso vuole essere la fedele riproduzione della Grande Mela con tanto di Ponte di Brooklyn, ma con un piccolo accorgimento in più…sto parlando delle montagne russe che si snodano sopra l’hotel e in parte anche al suo interno, l’ultima tappa della giornata è il medievale Excalibur e concludo la mia rovente passeggiata a Luxor, nell’antico Egitto! E ora la notte è giovane ed è il momento di giocare a poker texas hold’em!

img_1575-2

[Un viaggio tra i Canyon]

Buongiorno miei compagni di viaggio stamattina mi sono alzata all’alba per proseguire il mio lungo viaggio!
Ho imboccato la California 15, sconfinando di pochissimo in Arizona per svoltare sulla Utah 9 West State Street e attraversando Hurricane e Springdale sono arrivata allo Zion National Park, con le sue imponenti formazioni rocciose, che sono state modellate negli anni dalla forza delle acque del Virgin River!
Lo Utah è ricco di Canyon da visitare e infatti dopo essere uscita dallo Zion, mi dirigo alla volta del Bryce Canyon National Park, molto conosciuto per i caratteristici pinnacoli, nati dall’erosione di acqua, vento e ghiaccio. Veramente strepitoso!

img_1880

Come prima tappa mi sono diretta al Glen Canyon, meglio conosciuto come Lake Powell e successivamente, dopo aver camminato per una buona mezzora sempre e rigorosamente sotto un sole pazzesco, il magnifico spettacolo dell’#Horseshoe Bend si è così aperto sotto i miei occhi. Un enorme canyon che grazie alla sua peculiare forma, visto dall’alto sembra proprio un ferro di cavallo, da cui prende infatti il nome in inglese!

img_1953

La mattinata si è conclusa con la visita allo straordinario Antelope Canyon, le cui pareti sono così strette che potrete toccarle con entrambe le braccia e i raggi del sole riescono a insinuarsi tra le sue fessure creando così una lama di luce paradisiaca! Un luogo davvero speciale, considerato spirituale dai Nativi Americani Navajo.

img_2066-2

Risalgo quindi di nuovo in macchina per raggiungere la cinematografica Monument Valley, al confine tra Arizona e Utah, nonché lo stereotipo per eccellenza del selvaggio West! Purtroppo il sole non splendeva come gli altri giorni e a causa delle nuvole non sono riuscita a cogliere a pieno il rosso fuoco delle rocce, ma ad ogni modo vale davvero la pena andarci! Ed ora eccomi di nuovo in Arizona, in un altro hotel sperduto nel nulla e gestito interamente da Nativi Americani. E la mattina successiva ho visitato l’immensa gola creata dal fiume Colorado…sto parlando del famosissimo #Grand Canyon!

img_2139

[La città delle star]

Nonostante le distanze da un luogo all’altro, il viaggio non vi peserà molto grazie alle strade immense e ai meravigliosi paesaggi. Finalmente verso sera scorgo in lontananza lo skyline di #Los Angeles e in poco tempo mi ritrovo a Beverly Hills. La maggior parte della gente dice che Los Angeles sia una delusione e che non valga neanche la pena visitarla. Forse ha ragione, io invece nutro per questa città un amore smisurato perché ci ho vissuto per studiare recitazione e per questo non posso che associare la Città degli Angeli a ricordi entusiasmanti. Andando a Los Angeles quello che potrete trovare è senz’altro un clima fantastico, anche in inverno la temperatura non scende mai troppo, la California è bagnata dall’Oceano Pacifico e per questo si può andare sempre al mare e visitare posti bellissimi. Inoltre è una Città delineata da tantissimi quartieri e avrete sempre molto da scoprire e apprezzare!

img_2291

La mia giornata è iniziata a #Beverly Hills! La contea è una piccola cittadina esclusiva di rilevanza mondiale. Il posto ideale per chi apprezza la moda, l’ordine, la pulizia, le ville megagalattiche…in altre parole, la bella vita! Passeggiando per la Rodeo Drive, la Montenapoleone di Milan con tanto di palme, vi potrà capitare di incrociare qualche stella del cinema, che fa tranquillamente shopping! Come mi diceva il mio professore di acting Ron Gilbert “per sentirti come una vera star non passeggiare mai per la Rodeo Drive senza un paio di occhiali da sole”, quindi mi raccomando non dimenticateli!

img_2306

Dopo una tranquilla giornata trascorsa senza fretta tra negozi e ville dei divi, percorro infine la strada per arrivare sulle colline da dove si scorge la famosissima scritta #Hollywood e come per magia il sole inizia a calare e il cielo si trasforma in un tramonto mozzafiato. Sarei stata per ore a guardarlo, niente poteva essere più bello: mi trovavo nella città in cui avrei voluto nascere e sulla collina dove ho sempre desiderato di brillare. Non tutti i sogni si possono avverare, ma a volte si possono sentire più vicini.

 

[Tra spiaggia e stadio]

Amici viaggiatori siamo già giunti al penultimo giorno di questa bellissima avventura! Trascorro la giornata a #Venice Beach, conosciuta oltre che per la splendida spiaggia con tanto di tipiche vedette dei bagnini, anche per la pittoresca passeggiata lungomare!

img_2486

Nel tardo pomeriggio sono invece ritornata a Los Angeles per andare al Dodger Stadium e per sentirmi americana fino in fondo mangerò una bella pizza mentre guarderò questa spero vittoriosa partita di Baseball!

img_2568

[Universal Studios]

Ho trascorso l’ultimissimo giorno di questa strepitosa avventura agli #Universal Studios, il famoso spazio cinematografico in cui sono stati girati e prodotti alcuni dei film più famosi della storia del cinema americano! Una volta entrata nel parco, oltre a provare le attrazioni più tecnologiche del momento come Transformer: The Ride-3D, è possibile girare attraverso un trenino all’interno dei set dei film già usciti e addirittura vedere quelli delle serie televisive o dei film che devono ancora uscire! Per me che amo il cinema è stata proprio una magnifica giornata!

img_2627

Ale 5 del mattino mi trovo già sull’aereo che mi riporterà a casa e dal finestrino saluto di nuovo la mia Città degli Angeli, sperando di rivederla molto presto!
Spero che tutti voi amici viaggiatori che mi avete letto e che mi avete fatto compagnia possiate e vogliate fare una vacanza come questa, perché sono certa che ne rimarrete davvero entusiasti! Rimango sempre qui a vostra disposizione per rispondere alle vostre domande e se vi dovesse servire darvi anche ulteriori consigli! Ci rivediamo nella prossima avventura!